Tre sono le novità della scuola Primaria per il prossimo anno scolastico.

La scuola del gratuito senza voti.
Con le classi 5^ si conclude  il primo ciclo che ha permesso di ‘far crescere’ la pedagogia e la scuola del gratuito senza voti come aspetto caratterizzante e qualificante la nostra scuola Primaria, in modo originale, innovativo, attento ai bisogni e ai sogni dei bambini. Con questa metodologia ci collochiamo nel solco delle scuole finlandesi, le più innovative del mondo e con risultati di eccellenza, le quali, non solo hanno abolito il voto (strumento di giudizio dello studente e funzionale a una società del profitto), ma hanno anche ripensato i programmi, puntando sulle sviluppo delle intelligenze e delle qualità degli studenti. Come insegnanti siamo molto orgogliosi dei risultati di questa esperienza: 
Gli studenti crescono, con sempre maggiore consapevolezza, nel desiderio di conoscere; in senso critico nelle riflessioni; in capacità relazionale con gli amici e collaborativa con le maestre. 
Le maestre sviluppano una maggiore sensibilità e cura educativa, vivono in un contesto classe più favorevole; imparano ad apprezzare ogni studente, nei suoi limiti e nelle sue risorse.
genitori che hanno scommesso sul metodo hanno trovato un modo per far crescere figli sereni e ‘contenere’ l’ansia da prestazione.

Leducazionagli affettdefiglatempdinternet.
Ci preoccupiamo tanto dell’istruzione dei nostri figli (ed è giusto così), ma un po’ meno del loro mondo interiore, delle emozioni che vivono, degli affetti che sperimentano. Consapevoli che la Rete ha rivoluzionato anche le modalità di approccio all’affettività e alla sessualità, come educatori non possiamo restare indifferenti. Con la coscienza che i primi educatori dei figli siete voi genitori  - e su questo aspetto non si transige - poiché i vostri figli vivono la parte più importante e lunga a scuola, si aprono nei loro segreti alle maestre o agli educatori, anche noi ci sentiamo interpellati. Gl affetti (lamore  l sessualità)  defigli d oggi è, insiemadiventare cittadindigitaliundelle sfidpiù importantper lloro felicità per ibene dellsocietà ddomaniNegli ultimi due anni scolastici abbiamo attivatcolinsegnantdellclassi 3^45^, e colcollaboraziondei genitori, un «percorso di educazionallamicizia, agli affetti allsessualitàSonstatglstessi ragazzine ragazzincoi loro comportamenticolloro domanddirettindiretta sollecitarcaascoltarlper accompagnarliquestprecocrisveglio’chcaratterizzlloro età imodineditrispetttanttempfa.
Quest’anno il progetto è esteso a tutta la scuola, con una modalità specifica per ogni età. 

Metodo analogico per l’italiano e la matematica.
È un metodo didattico per imparare l’italiano e la matematica suscitando curiosità.  Per sviluppare l’intelligenza logica e matematica che adotteremo anche alla Primaria.Il Metodo Analogico è il modo naturale di apprendere mediante metafore e analogie, come fanno i bambini che nella loro genialità imparano a giocare, a parlare o usare il computer ancor prima degli adulti. È il metodo del cuore, cioè dell’intuizione a tutto campo, esercitata a 360 gradi, per accogliere tutto, nella fiducia e nell’accettazione, senza timore, e senza il bisogno di controllo che blocca ogni cosa. Fa leva sull’intuito dei bambini per trasformare l’apprendimento in un gioioso volo di scoperta. 
Camillo Bortolato è il fondatore del metodo analogico, seguito in Italia da tantissime maestre. Continua tu la riflessione visitando il sito: www.camillobortolato.it.
 

Salva Segnala Stampa Esci Home